Archivio | Uncategorized RSS feed for this section

MFW: tutti gli appuntamenti di oggi, 1 marzo

1 Mar

Ultimo giorno di Milano Moda Donna. Io sono in partenza per Palermo, ma voi non perdetevi l’ultimo giorno di sfilate in streaming su Vogue.it

Last day of Milan Fashion Week. I’m coming back to Palermo, but you can’t miss last day of streaming on Vogue.it!


Annunci

MFW: tutti gli appuntamenti di oggi, 28 febbraio

28 Feb

Sesto giorno di Milano Moda Donna. Ecco gli appuntamenti di oggi.

Sixth day of Milan Fashion Week. Here we have today’s shows.


Potete seguire tutto in streaming anche su Vogue.it

You can see all the fashion show on streaming on Vogue.it

Seguitemi su Giglio.com e sulla fanpage ufficiale per non perdervi neanche un istante di quello che succederà oggi!

Follow me on Giglio.com and on fb fanpage, to don’t miss a thing about what’s gonna happen today!

 

Sanremo 2011: terza serata, versione unità d’Italia

18 Feb

Stasera è una sorta di maratona schizofrenica di solidarietà. Il meccanismo è confuso: si può donare tramite sms e telefono fisso all’associazione Per il tuo cuore onlus. Durante l’esecuzione di ogni singola canzone, si calcolerà chi ha “raccolto” più fondi. Poi non ho capito dove si va a parare.

Belen in Moschino, veramente chic con lo chignon, la Canalis in Roberto Cavalli. Purtroppo dobbiamo ammettere che, nonostante l’impegno, non riesce ad essere elegante.

DAVIDE VAN DE SFROOS – Viva l’Italia

sm: assodato che sa cantare anche in italiano, fa un’ottima interpretazione. Lo stile è sempre quello del tizio che arriva all’ultimo minuto e si fionda sul palco per andare a cantare.

av: praticamente se non canta in dialetto neanche ci fai caso. Inutile, all’anonimato contribuisce il look ripulito, lo preferivamo finto cantastorie trsandato. Voto: 3

photo source: style.it

ANNA TATANGELO – Mamma

sm: Anna versione meringa gigante. Overdone. Non ce la posso fare. Passo.

av: vabbè a parte che è entrata tipo spaventata del presepe…comunque Anna le tue ali di gabbiano c’hanno stancato, per noi è no!Next!

photo source: style.it

ANNA OXA – o sole mio

sm: versione alla Anna Oxa che anche stasera omaggia contemporaneamente Avatar in total blue e il re leone – il personaggio cattivo, però. Stasera ha fatto lo shampoo e direi che per il Paese è un ottimo segnale di ripresa.

av: il frisè ai capelli è così anni ’90 che lo perdoniamo solo a Cher! la notizia è che ha cambiato maglia! più che la Oxa mi sembrava l’urlatrice dei Matia Bazar. Noiosa e senza sentimento. Voto: 2 Continua a leggere

Sanremo 2011, seconda serata: svendita d’antiquariato, fuori Patty Pravo e Albano

17 Feb

 

photo source: tvblog.it

Apre Daniel Ezralow con il suo corpo di ballo che si esibisce sulle note di Beethoven, Morandi entra in scena dentro una sfera (tipo “Il lotto alle otto”) e commemora le escluse: consola la Tatanna ( su di lei il picco dei 17 milioni di spettatori) e la Oxa.

AV: ma infatti dopo averla ascoltata almeno un paio di milioni hanno cambiato canale. In effetti con tutta la musica classica italiana era giusto aprire con un tedesco! Ovviamente sono estasiato dalla coreografia di Ezralow: le vediamo solo ogni santa domenica ad “Amici”…

SM: una prece per le extension della Oxa che cadevano morte sul palco. Su Tatanna non mi pronuncio, quando la cantante è niente, la perdita è zero. Comunque mostro in giacca blu + palle non fanno un Monster Ball. Che la piantino.

GT: ragazzi facciamo i seri, siamo in eurovisione!!!

 

La presse via style.it

Entra subito Belen in Fendi e presenta la Canalis in abito Pucci.

GT: ma questa scena falsissima di loro che si sbaciucchiano facendo le amiche del cuore forever? notare le facce sataniche della Canalis quando guarda sorridendo Belen!

GC: il bacio di giuda della Canalis a Belen è più grave della giacca replicata da Morandi!

AV: ma non è la stessa di ieri, solo che il luccichio in blu è ancora più brutto! Sì poi abbiamo capito che Morandi fa girare la Canalis per mostrare le forme del culo, non serve la scusa dell’abito! Continua a leggere

Love stories in fashion

14 Feb

di Andrea Vigneri

Perchè non celebrare il giorno di San Valentino raccontando alcune delle storie d’amore più belle del mondo della moda? Dietro un atto creativo c’è sempre un’ispirazione profonda, senza contare che spesso queste relazioni umane sono diventate veri e propri sodalizi lavorativi. Di alcune storie abbiamo parlato altre volte (Valentino e Giammetti, Dolce e Gabbana), per le altre ci sembra l’occasione giusta.

L’ artista e la sua musa: quando la modella svedese Lisa Fonssagrives si trasferì a New York aveva 40 anni, lì iniziò a lavorare con il grande fotografo Irving Penn che sulle pagine di Vogue stava rivoluzionando l’immagine della moda, si sposarono nel 1950 e rimasero insieme fino alla morte di lei nel 1992. Nella bellezza ritratta in quegli scatti resta la testimonianza di un legame eterno, come eterna è la sua arte.

 

La famiglia Missoni al gran completo

Proprio qualche giorno fa Ottavio Missoni ha compiuto 90 anni, 58 dei quali trascorsi con la moglie Rosita. Lui è stato campione di atletica, ha gareggiato nelle Olimpiadi di Londra del 1948, nel 1953 si è sposato con Rosita Jelmini e insieme hanno iniziato la loro avventura imprenditoriale; il marchio Missoni è uno dei rari casi nel mondo della moda di azienda “familiare”, già a vedere la loro foto di gruppo si avverte quel calore rassicurante delle loro maglie. Tradizionali e moderni.

 

Quella di Pierre Bergè e Yves Saint Laurent è una storia lunga 50 anni ( dal 1958 al 2008) in cui i due hanno condiviso gli affari e la vita, tra i successi e le ombre della droga e dell’alcol. Recentemente è stato prodotto un documentario che racconta la loro storia “Amor Fou” che presto dovrebbe arrivare anche in Italia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In “Vita Prada” di Gian Luigi Paracchini è raccontato un aneddoto singolare: 10 giugno 1977 a Milano una ragazza esce dal negozio di famiglia per andare al salone internazionale della pelletteria, dove, a quanto pare, uno stand presenta delle borse simili alle sue…il primo incontro tra Miuccia Prada e Patrizio Bertelli è in realtà uno scontro, e leggendari diventeranno gli scontri tra i due nel corso degli anni, due personalità così diverse già all’apparire e pure così complementari, due intelligenze che si sono stimolate reciprocamente e hanno costruito un impero.

 

1982, Teatro alla Scala di Milano: il modello Antonio D’Amico incontra il più grande stilsta di quegli anni, che proprio per la rappresentazione di quella sera aveva realizzato i costumi, dopo quell’incontro Gianni Versace gli ripeterà più volte: “Ti ho visto e mi sei sembrato un putto, un angelo”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

15 luglio 1997, Miami:  Antonio è in casa, aspetta il rientro del suo suo compagno di vita, 15 anni trascorsi assieme tra famiglia, amici, mondanità, lavoro e intimità. Un colpo di pistola segna la fine di un amore e l’avventura del geniale e insuperato Gianni Versace.

 

Richard Buckley

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un colpo di fulmine scoccato in ascensore quello tra il texano Tom Ford e il giornalista Richard Buckley ( dal 1999 al 2005 direttore di Vogue Hommes International) nel 1986, una serata passata  discutere  dell’emergenza dell’Aids nella New York di quegli anni  e una notte di passione. Venticinque anni dopo, nonostante la differenza di età, la loro storia continua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa sembrerebbe proprio una favola: Jason Preston è un nullafacente  (in realtà pare che abbiano ritrovato suo vecchi annunci da ex marchettaro) che un giorno incontra un uomo bello, ricco e famoso: Marc Jacobs. I due si amano, si fanno vedere in pubblico, Jason diventa famoso e si fa tatuare il nome del suo compagno sul braccio. Se fosse una favola vivrebbero felici e contenti, ma purtroppo la bella coppia è scoppiata qualche anno fa, adesso Marc spera di sposare presto Lorenzo Martone, Jason si gode la sua popolarità.

Vogue Experience: una data anche al Sud?

1 Feb

È la domanda che rivolge il nostro Andrea Vigneri al direttore di Vogue Franca Sozzani, commentando il post odierno sul suo blog. E il direttore anche questa volta risponde: a Vogue già si discute di una prossima Vogue Experience proprio a Palermo o a Napoli.

E voi, che ne pensate? Secondo noi, ovviamente, è una splendida idea!

Sao Paolo Fashion Week: expect the unexpected

1 Feb

Non è facile essere notati nella giungla della moda. Non solo per le persone, ma anche per i fashion show. La San paolo Fashion Week, per esempio, non è affatto al centro delle attenzioni dei fashion bloggers europei… e questo è sbagliato! Perchè il Brasile è la terra dell’inaspettato.

It’s not easy being noticed in the fashion jungle. Not olny for people, but even for fashion shows. Sao Paolo Fashion Week is not in the spotlight of european fashion bloggers… and that’s wrong! Because Brazil is the land of unexpected.

La top model transessuale Lea T, figlia del calciatore Toninho Cerezo ed ex assistente di Riccardo Tisci, ha sfilato tra gli applausi per lo stilista Alexandre Herchcovitch. Prima apparizione in Brasile, ed è stato un trionfo. Avete mai visto una cosa simile a Milano?

Transgender top model Lea T., daughter of the football player Toninho Cerezo and former assistant of Riccardo Tisci, appeared on a runway for the first time, in the fashion show of Alexandre Herchcovitch. First time in Brazil, and it was a success. Have you ever seen something like that in Milan?

fonte: repubblica.it

Ad ogni modo, vale la pena di dare un’occhiata alle divertentissime creazioni del brand Neon. Io le trovo assolutamente fantastiche. (Gallery)

By the way, take a look at the funny items by Neon. I think they’re amazing.(Gallery)


Lookalike: quell’adorabile svampita di Holly Golightly

25 Gen

Non ho bisogno di presentarvi Audrey Hepburn come icona di stile. Se non la conoscete, siete nel posto sbagliato. Uno dei personaggi più riusciti e amati è sicuramente Holly Golightly, socialite ante litteram e svampita di professione in Colazione da Tiffany. Per imitare il suo look bastano pochi pezzi iconici!

I don’t need to introduce Audrey Hepburn ad a style icon. If you don’t know her, maybe you’re in the wrong blog. One of the most famous and beloved character played by her is Holly Golightly, socialite ante litteram and professional flashy girl in Breakfast at Tiffany’s. Just a few iconic items to lookalike her!


Cominciamo dalla maschera da notte: la più adatta è quella firmata Dita Von Teese per Moschino, in seta e pizzo, i cui proventi vanno in beneficenza per la lotta all’AIDS.

Let’s start from the eye sleeping mask: the best one is the Dita Von Teese for Moschino one. Silk, lace and charity, to rise funds against AIDS.

lookalike: holly golightly

Per imitare il famosissimo look della scena iniziale del film vi serve chiaramente un tubino nero: nel film si tratta di un modello lungo, adatto alla sera, abbinato ad un paio di Chanel dal tacco medio. Noi abbiamo scelto un modello di Paul Smith, con un intreccio sul davanti, che aiuta a nascondere le rotondità. Completate il look con un paio di RayBan Wayfarer– per rendere il look più attuale – e con la collana di perle a tre giri di Lanvin. E ovviamente, con un caffè di Starbucks e un cornetto, per fare scena.

To lookalike the famous outfit at the beginning of the movie, you absolutely need a little black dress: in the movie, she wears a long version – perfect for a night party – and middle heel Chanel. We’ve choosen a Paul Smith Black Label LBD with a grosgrain bow waist belt, to hide some “curves”. Complete the outfit with a pair of Rayban Wayfarer – to make the outfit more contemporary – and with the three drop faux pearl necklace by Lanvin. And, of course, with a Starbucks coffee and a croissant (just to make an entry).

lookalike holly golightly2

Moonriver vinse il premio Oscar come miglior canzone originale. E questa scena del film è senza dubbio una delle più belle del film e della storia della commedia romantica. Per i vostri momenti di relax basta poco: un paio di pantaloni stretti alla caviglia (American Vintage), un cardigan azzurro (H&M) e – dettaglio chic – un turbante. Ne potete trovare a moltissimi nei mercatini vintage (nella foto, Tie dye Turband). E per rilassarvi davvero, usate la crema idratante Garnier Fresh e, se non sapete suonare la chitarra, mettete su un disco e passatevi lo smalto. Possibilmente la nuance Blue Satin de Le vernis de Chanel.

Moonriver won the Oscar ad best original song. And this scene is one of the most amazing of the movie and of the whole romantic comedy history. For your relaxing moments you just need Easy Fit trousers by American Vintage, a light blue cardigan by H&M and – easy chic detail – a turban. You can find lots of them in vintage shop (photo: Tie Dye Turband). For a real relax, use the moisturizing Garnier Fresh day cream and, if you can’t play guitar, put a record on and varnish your nails. Our tip: use the nuance Blue satin, Le Vernis by Chanel.

lookalike holly golightly 3

Il trench è un altro grande classico, l’ultimo tocco per diventare davvero Holly. Nella foto abbiamo preferito al classico Burberry un modello Sonia by Sonia Rykiel, abbinato con un paio di ballerine beige con fibbia gioiello a forma di cuore. E nient’altro. Per le fumatrici, accessorio indispensabile è un portasigarette d’argento. Non ne avete uno? Può essere un’idea da farvi regalare per San Valentino.

A trench is a classical items, the last one to really became Holly. In the photo you can see a Sonia By Sonia Rykiel trench rather than a Burberry one. Shoes: Kitty nude embellished heart pumps. And nothing else. For smokers, a silver cigarettes case is a must. Don’t you have one? It could be a good idea for Valentine’s day!

Al via oggi Paris Haute Couture

24 Gen

 

dior haute couture FW 2010/2011

 

Vogliamo salutare la settimana dell’Haute Cuture parigina al via oggi, lunedì 24 gennaio, con uno degli abiti più belli della scorsa stagione, dalla collezione, dalla collezione Dior. Si comincia questa mattina con Alexis Mabille (10.30), si prosegue alle 14.30 con Christian Dior e si chiude alle 18.00 con Giorgio Armani Privè.

We want to say hallo to Haute Couture Paris fashion week strating today, monday january 24th, publishing one of the most beautiful dress from FW runways, from Dior’s collection. Haute couture starts today in the morning with Alexis Mabille (10,30 AM) and it goes on with Christian Dior at 2,30 PM and Giorgio Armani Privè at 6 PM.

Ecco il calendario completo! Here’s the schedule!

 

Gabriele Romagnoli è il nuovo direttore di GQ Italia

18 Gen

Il nuovo direttore di GQ Italia sarà lo scrittore ed editorialista di “La Repubblica” Gabriele Romagnoli; la notizia è piompata a ciel sereno durante la fashion week. l’attuale direttore Michele Lupi diventerà vice-direttore di Vanity Fair Italia.

Da fedele lettore della rivista sono piuttosto dispiaciuto, perchè ho sempre apprezzato molto la direzione di Michele Lupi che secondo me è riuscito a fare diventare GQ Italia un contenitore vario, capace di soddisfare le curiosità e gli interessi di lettori di ogni tipo, senza tralasciare mai l’attualità.  Senza contare il suo interessantissimo blog da cui ho spesso tratto consigli per le mie letture.

Ad ogni modo non ci resta che ringraziarlo e aspettare di vedere se la nuova direzione porterà interessanti novità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: